Oggi voglio riportarti un’intervista fatta da me, al Dott. Filippo Quattrini, medico sportivo e da più di 10 anni consulente presso l’Istituto di Medicina e Scienze dello Sport del CONI.

Questo intervento del Dott. Quattrini nasce da un lavoro pubblicato da lui e da una equipe di altri medici, dove si dimostrava che le attività aerobica protratta per lungo periodi ed eseguita senza rispettare i carichi di lavoro e di riposo, crea un danno molto serio al cuore.

Nel mio blog, da diversi anni, affermo che l’attività aerobica fine a se stessa e fatta in modo convulsivo, senza schemi, senza programmazione non porta a raggiungere un Dimagrimento in Salute.

Nell’intervista infatti il Dott. Quattrini specifica l’importanza dell’attività di tonificazione in un programma di allenamento e della giusta dose di attività aerobica.

Ecco l’intervista che tutti i corridori convulsivi devono leggere.

C: “Passiamo subito a all’intervista e alla fine daremo le conclusioni di questo pomeriggio insieme.La prima domanda che voglio farle è quella di spiegare di cosa si occupa nello specifico al coni e nella sua attività?”

R: Sono uno medico specialista in medicina dello sport. Da oltre 10 anni sono consulente presso l’Istituto di Medicina e Scienze dello Sport del CONI dove mi occupo prevalentemente della valutazione medico sportiva a tutto tondo degli atleti di alto livello di interesse nazionale e probabili olimpici. Ma non solo, mi occupo di valutare anche chi pratica attività sportiva a livello amatoriale e chi vuole iniziare un programma di attività fisica per la salute.

C: “Lei sa, che mi occupo di dimagrimento in salute e che con il mio blog cerco di trasmettere un concetto base: che per dimagrire in modo sano bisogna focalizzarsi molto sul concetto di attività di tonificazione e non solo sull’attività aerobica. La mia domanda è questa. Anche lei crede che sia fondamentale, in un lavoro di dimagrimento, puntare sulla tonificazione (che porta aumento del metabolismo) anziché puntare sull’attività aerobica magari protratte per lunghe sessioni?”

R: Certamente l’attività aerobica è importante e, come riportato in tutte le linee guida delle varie società scientifiche internazionali, è necessario fare almeno 150 minuti a settimana (30 minuti al giorno per 5 giorni a settimana) di attività aerobica moderata (60-70% della frequenza cardiaca massima per l’età) oppure almeno 25 minuti 3 volte a settimana di attività più intensa (70-85% della frequenza cardia massima per l’età). Il tutto deve essere necessariamente combinato con un attività di tonificazione muscolare da moderata ad intensa, per almeno 2 volte a settimana. Insomma le linee guida ci indicano che la combinazione più efficace per ridurre il peso e per stare bene in salute è combinare l’attività aerobica con l’attività di tonificazione da praticare 2-3 volte a settimana.

C: “Entriamo nello specifico dell’attività aerobica, è vero che quando eccessiva può essere dannosa per il cuore?”

R: Certamente sì. Già quattro secoli prima di Cristo, Ippocrate, il padre della medicina, aveva compreso senza tanti studi scientifici l’importanza della giusta dose. Infatti affermava che “se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, né in difetto, né in eccesso, avremmo trovato la strada per la salute”. Oggi ritroviamo la conferma che anche l’esercizio fisico, in particolare di endurance (corsa, ciclismo etc), in eccesso può essere dannoso per l’apparato cardiovascolare. Un recente studio Danese effettuato su oltre 1000 soggetti praticanti jogging ha dimostrato che la frequenza ottimale con la quale fare jogging è di 2-3 volte a settimana con una intensità moderata, mentre fare jogging strenuo (>11 km/h) tutti i giorni aumenta il rischio di mortalità di quasi 2 volte rispetto ai soggetti sedentari. In un altro studio di autori inglesi effettuato su oltre 1.000.000 di donne inglesi, è stato dimostrato che praticare attività fisica di endurance intensa quotidianamente aumenta in maniera significativa il rischio di sviluppare malattia coronarica e cerebrovascolare quali infarti o ictus. Inoltre negli ultimi è stato anche dimostrato in diversi studi scientifici che l’attività di endurance intensa protratta per lungo tempo porterebbe a danni a carico del cuore in particolare a carico del ventricolo destro che subirebbe una progressiva diminuzione della sua capacità contrattile e quindi della funzione di pompa.

C: “Quindi possiamo dire che l’attività aerobica fa male?”

R: Assolutamente no! Se praticata in modo corretto e senza eccessi e soprattutto dietro indicazione e con la supervisione di un professionista adeguatamente preparato, l’attività aerobica è assolutamente essenziale per dimagrire e stare bene. Circa 5 anni fa abbiamo dimostrato in un lavoro pubblicato su una delle più prestigiose riviste di cardiologia del mondo, che negli atleti di elite la pratica di attività di endurance per tanti anni non portava a nessun problema né ad un deterioramento dell’apparato cardiovascolare. E questo può essere sintetizzato così: fare attività di endurance anche di alta intensità opportunamente programmata, con la giusta frequenza e con i corretti periodi di recupero non è assolutamente pericoloso. Quindi tutto sta nell’affidarsi ad un professionista dell’allenamento serio e preparato.

C: “Dopo questi risultati lei consiglierebbe ancora attività aerobica di lunga durata? Se la risposta è positiva, allora con quali precauzioni svolgerla?”

R: Assolutamente sì, come già detto la combinazione di attività aerobica e di tonificazione muscolare è la combinazione vincente per ottenere un dimagrimento fisiologico ed uno stato di salute ottimale e garantirsi una vita serena. Le precauzioni? Affidarsi ai consigli di un professionista esperto e preparato, mai il fai da te e soprattutto non pensare solo all’allenamento ma anche all’appropriato periodo di recupero!

Ecco il tassello che ti mancava, per centrare il tuo obiettivo.

Dopo 2 ore passate insieme al Dott. Quattrini possiamo quindi affermare che:

  • L’attività  aerobica fatta senza criterio e in modo convulsivo non porta a nessun risultato, anzi porta gravi danni al cuore. L’importanza dei giusti carichi di lavoro e del giusto riposo sono FONDAMENTALI.
  • Per Dimagrire in Salute tutte le linee guida scientifiche affermano la necessità di un connubio imprescindibile tra attività di tonificazione e aerobica (Lavoro a circuito)
  • Improvvisare un percorso così importante (Dimagrire) è un rischio che porta a gravi danni al tuo fisico. Perciò affidarsi ad un professionista è un passo fondamentale da fare.
[Voti: 1   Media: 5/5]